Architetto Liliana Martarelli

Lilea Design intervista l’Architetto Liliana Martarelli

Una donna poliedrica, insegnante, artista e architetto

architetto-liliana-martarello

Raccontaci il tuo percorso professionale: scuole ed esperienze

Come molti architetti della mia generazione il mio percorso è iniziato con il liceo artistico, quindi la facoltà di Architettura al Politecnico di Milano poi esame di Stato per la libera professione.

Eppure, per quanto strano possa sembrare, è stato proprio Il liceo che mi ha spalancato nuovi orizzonti, un cammino di apertura ad un mondo dentro e fuori di me che poi ha avuto nel Politecnico il suo completamento.

Ho iniziato ad esercitare con alcuni amici, tutti giovani entusiasti, desiderosi di lasciare il proprio segno ma dopo qualche anno ho fatto altre scelte professionali che mi hanno permesso di mettere al primo posto la gestione dei miei quattro figli che erano nati nel frattempo.

Solo quando i miei figli sono cresciuti ho deciso di aprire uno studio mio avvalendomi di alcuni giovani e bravissimi collaboratori.

Il percorso che ho fatto in altri campi lavorativi comprende, tra le altre cose, la realizzazione di un libro di testo di educazione artistica per le scuole medie “Lanterna Magica” Morano editore, varie esperienza didattiche come insegnante di arte e disegno nella scuola (storia dell’arte alla scuola europea di Varese e istituti alberghieri di Gallarate e sesto calende, insegnante di ruolo di ed artistica nella scuola media in vari istituti della provincia di Varese) e in atelier per esempio laboratori di immagine presso”Il Melo” di Gallarate.

Tra le esperienze di lavoro più significative cito un’intensa collaborazione con il grande fotografo Nino Migliori, che persiste anche oggi, col quale ho partecipato alla realizzazione di pubblicazioni tra cui i bambini leggono “Missoni” e i bambini leggono “Saporiti“ frutto di un lavoro di sperimentazione “laboratorio scuola industria “ sviluppato da Il Melo con il patrocinio dell’Unione Industriali di Varese o “Tatauine” Ksour tra storia e mistero edito da Gssep onlus.

Esperienze che mi hanno arricchito moltissimo e che mi hanno dato una marcia in più quando ho ripreso ad esercitare la libera professione, perché sono convinta che il lavoro di architetto si alimenti coltivando interessi a 360°, oltre che con una seria e continua preparazione.


In cosa consiste il tuo lavoro?

Mi occupo di progettazione, sia partendo dal nuovo fino alla ristrutturazione, al restauro conservativo dall’edificio, all’arredo completo degli interni e al progetto di giardini.

Villa Bossi Bodio Lomnago sala concerti

Villa Bossi Bodio Lomnago sala concerti

La mia committenza è per lo più privata, a partire dalla giovane coppia che mette su casa o l’imprenditore che restaura la sua villa di 2.000 mq e ne ricava casa e bottega, piuttosto che per studi di professionisti che rinnovano l’ufficio, o per l’immobiliare che investe nella costruzione di in un condominio e così via.

giemmepi-gallarate

Ditta Giemmepi

Il concetto che più mi affascina nel mio lavoro è senza dubbio quello di flessibilità.
Spazi che si possono modificare secondo il loro utilizzo: la vita è un continuo mutamento, la ricerca sui materiali è in continua evoluzione, ritengo vitale informarsi, conoscere, sperimentare creare il nuovo.

interni-gallarate interni-gallarateinterni-gallarate

Naturalmente la progettazione non può prescindere o non risolvere tutti i problemi strutturali, tecnici e funzionali ma il mio obiettivo è sempre quello di arrivare a realizzare qualcosa di “bello”.

Quella bellezza di cui abbiamo tantissimi esempi di architettura – l’Italia ha anche tanta storia che ci insegna – o che comunque abbiamo davanti agli occhi tutti i giorni in ogni parte del mondo.

Un mix perfetto di armonia interna e con il paesaggio circostante, soluzioni intelligenti e ricche di significato.

Le mie esperienze di insegnamento mi sono state di grande aiuto quando mi è stata commissionata la realizzazione di spazi per bambini in diverse sedi degli Ipermercati (Pesaro, Rozzano , Darfo Boario, Cremona, Magenta ….) e in quella occasione mi sono divertita a inventare soluzioni con tubi di plexiglass riempiti di scarti colorati, tavolini che si trasformano per un utilizzo individuale o collettivo e ambientazioni a tema.

spazio-bimbi

Spazio Bimbi


Qual è il tuo stile e che soluzioni ti piacciono?

Progetto cercando di interpretare il “genius loci” e nel contempo cerco di rispettare e rispondere alle esigenze della committenza.

Sicuramente mi piace il moderno ma lo stile lo invento cercando di ottenere un equilibrio compositivo in cui forme per lo più semplici si possono accostare ad elementi in cui sono spesso la materia, l’accostamento di materiali e forme, o la texture a caratterizzare l’insieme.

In questa casa dei primi novecento la committenza voleva un richiamo di stile in un ambiente moderno.

interno-privato

Ognuno di noi è diverso mi piacerebbe che in ogni progetto ci sia quell’originalità che differenza ogni individuo o situazione anche solo per un particolare.

particolare-parapettobagno-privato

Nel restauro il nuovo deve essere riconoscibile ma nel rispetto dell’esistente.
Per esempio l’utilizzo di profilati sottili (in questo caso jansen) per le porte, per richiamare il serramento in ferro di una volta, ma che abbiano prestazioni rispondenti agli standards attuali.

O l’utilizzo di materiali come la beola o la graniglia già presente e utilizzata nel settecento però con design moderno.

villa-bossi-ingresso villa-bossi-bagno villa-bossi-ingressi-sala-concerti villa-bossi-bagno2

Mi piace la sfida, cercare di trasformare quello che spesso con poche risorse economiche sembra impossibile

Per esempio questa casetta prima e dopo l’intervento:

ristrutturazione-prima ristrutturazione-dopo

…..e poi la luce, fondamentale, sia quella naturale sia quella artificiale
la luce in tutte le sue funzioni che diventa protagonista per creare l’ambiente desiderato

residenza-privata2-gianni-ilardo

Ph: Gianni Ilardo

residenza-privata-gianni-ilardo

Ph: Gianni Ilardo

studio-professionale2-gianni-ilardo

studio-professionale3-gianni-ilardo

studio-professionale-gianni-ilardo

Ph: Gianni Ilardo


Quali sono le differenze che riscontri collaborando con un’azienda che realizza arredo su misura ed un negozio di mobili con marchi famosi?

È ovvio che con le premesse che ho indicato nell’arredo su misura si realizza in modo più completo il mio modo di progettare.

Naturalmente apprezzo moltissimo il lavoro dei miei colleghi e inserisco pezzi d’autore o utilizzo arredi di marche famose ma per lo più disegno io.

Mi piace moltissimo lavorare insieme all’artigiano inventando soluzioni, unire le competenze cercando materiali nuovi e nuove lavorazioni.

Per esempio, quando progetto con la pietra vado in cava, cerco il blocco o la lastra, decido insieme all’artigiano come migliorare la forma del prodotto o la finitura per un rivestimento o la soluzione tecnica per rispondere ai vari problemi strutturali o tecnologici.

Naturalmente ci sono diversi tipi di collaborazioni e differenti tipologie di artigiano o di imprese artigianali.

Con Lilea Design per esempio, mi sento perfettamente a mio agio per la grande professionalità che la ditta offre sotto tutti gli aspetti del processo di produzione del mobile: dalla ricerca dei materiali al tipo di ferramenta, alla precisione e cura delle finiture.

Il fatto che il processo di lavorazione sia all’interno della stessa azienda permette di sperimentare ed intervenire direttamente, con maggiore possibilità di ottenere un risultato corrispondente alle aspettative.

Movimento, evoluzione, ricerca, certo questo spesso è un rischio o un surplus lavorativo ma quanto gusto e che grande soddisfazione!


Architetto Liliana Martarelli
ufficio: +39 0331215039 – cellullare +39 3356877232 – martarelli@libero.it
Via Monte Grappa, 266 – 21044 Cavaria (VA)

http://ec2.it/lilianamartarelli


Lavorare con l’Architetto Martarelli è sempre un piacere ed una soddisfazione.

Le sue idee a volte ci “spaventano” ma con lei poi, diventa tutto fattibile e realizzabile, merito delle sue competenze e della nostra voglia di metterci sempre in gioco.

L’esperienza le ha insegnato che il Cliente va prima di tutto ascoltato e poi consigliato, senza imporsi perché la casa deve essere vissuta con serenità da chi la abita.

Pubblichiamo l’arredamento di un loft in provincia di Varese, realizzato insieme:

Grazie Liliana per la disponibilità e il tempo dedicatoci!!!

 

LILEA DESIGN

Telefono: 0331274066
e-mail: info@lilea.it
Siamo a Besnate in provincia di Varese

Un pensiero su “Architetto Liliana Martarelli

  1. Pingback: Arredare su misura con l’Architetto? Sì o No? - Lilea Design

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *